Cos'è una consulenza web

Fare Consulenza web non significa offrire una consulenza web marketing ma consiste nell’immergersi in un insieme di elementi ben più ampio che racchiude tutte le possibili interfacce, attivate per interagire con un progetto di comunicazione on line, e svilupparle in modo ordinato in un piano di lavoro strategico.
Alcune di queste possono essere:

  • Stesura di un piano di azione mirato verso obiettivi proposti e riconosciuti dal “capo”
  • Analisi delle reali capacità dei potenziali fornitori di servizi web
  • Scelta dei fornitori e dei professionisti che si interfacceranno
  • Mediazione tra azienda e professionisti digitali
  • Scelta accurata dei contenuti migliori in stretta armonia con i fornitori
  • Analisi volta a migliorare la comunicazione visiva
  • Supporto per la lettura dei dati e dei report di analisi del traffico utenti
  • Supporto per la stesura di una corretta strategia legata al web marketing
  • Analisi e valutazione della domanda latente
  • Analisi e valutazione delle parole chiave e long tails adatte al tuo pubblico

Sono molteplici le caratteristiche che un buon consulente web deve possedere nel proprio Know-how e molto spesso variano all’interno delle più svariate professioni legate al mondo della comunicazione e del web.

Nel mio modo di vedere le cose chi fornisce consulenza web non può esimersi dal conoscere elementi di

  • Creatività
  • Grafica
  • Copy writing
  • Programmazione
  • Analisi dei dati
  • PR
  • Marketing
  • Principali regole SEO

Perché?
Per il semplice fatto che altrimenti non sarebbe in grado di dare esaurienti risposte a chi necessita della sua competenza professionale, e di poter costruire un colloquio con tutte le figure professionali che sono implicate in un processo di comunicazione digitale.

Un nuovo modo di vedere le cose

“Tutti a voler fare gli attori principali: un immenso palcoscenico e un infinito pallosissimo monologo…
Peccato che il pubblico non voglia nemmeno entrare nel teatro
e si stia divertendo a guardare gli artisti di strada:
comparse, certo, ma capaci di azioni più incisive
che toccano l’animo umano e restano nel cuore di tutti.”

Queste parole di Cinzia di Martino (che professionalmente adoro) danno l’esatta misura di quanto sia necessario avere una conoscenza perfetta di ciò che si vuole e si deve comunicare. In questo palcoscenico non è l’azienda l’attrice principale! Quei tempi sono andati, finiti, disintegrati!
Invece succede sempre: che tutto sia incentrato sull’azienda e su ciò che vuole comunicare, dimenticandosi totalmente di scoprire, prima, ciò che desidera leggere il proprio ospite e potenziale cliente.

Consulenza web per un sito web: sicuri?

…E poi tutti a pensare al sito !!
Un Consulente web non pensa al sito, o meglio, non pensa solo al sito. Chi fa consulenza web sa molto bene che il mondo digitale comprende una galassia di piattaforme all’interno della quale compare probabilmente anche il sito; il mondo digitale potrebbe non essere incentrato sul sito ma su una serie di azioni e contenuti distribuiti sulle varie piattaforme della comunicazione che compongono il sistema.

  • Lo sai che ci sono aziende che lavorano esclusivamente con Facebook?
  • Lo sai che ci sono aziende che lavorano esclusivamente con YouTube?
  • Ci sono anche aziende che lavorano in multi piattaforma

Perché allora ritieni che “il sito” sia la panacea che risolve i tuoi mali?

Solo una profonda ricerca del tuo mondo e del tuo target potrà svelarti se e quale sarà il tuo spazio vitale nella galassia digitale. Non conoscere questa fase può farti incappare in seri problemi, in costi inutili, in tempo perso, e cocenti delusioni. Non credi sia meglio parlare prima con un consulente del web?

Quanto costa una consulenza web?

Ti rispondo in questo modo:
Un’azienda molto importante si trovò davanti alla necessità di rivedere e rinnovare tutta la presenza digitale; come tutte le aziende si rivolse a varie agenzie specializzate nel mondo web.

Dopo una serie di incontri svoltisi con i vari commerciali, arrivò a trovarsi sul tavolo una serie di preventivi per lo stesso progetto con un range di costi che andava dai 20 mila agli 80 mila euro.

Capisci bene l’imbarazzo del manager nel momento in cui constatò che un costo potesse lievitare di ben 4 volte rispetto al più “economico”.
All’interno di LinkedIn ricercò il mio profilo e chiese il mio parere a riguardo.
Stipulammo un accordo di 4 mesi in cui mi misi a disposizione per permettergli di trovare la giusta via in mezzo alla giungla di questi interlocutori.

Stilai un rapporto con delle richieste precise e lo presentai alle varie agenzie:
Alcune rinunciarono immediatamente!
Altre proseguirono e risposero alla mia semplice seppur precisa richiesta

Ci furono altri incontri per meglio identificare le prerogative necessarie al compimento del lavoro che si andava a delineare sempre meglio ed il miglior fornitore per quel tipo di azienda.
Al termine degli incontri l’azienda stipulò un contratto di collaborazione con una delle agenzie per il valore di 8.500 €.

Ora, secondo il tuo punto di vista, il consulente web si è rivelato un costo o un investimento per questa azienda?
Vale la pena parlare di costo, quando si tratta di sviluppare un progetto che dovrà rivelarsi in tutto e per tutto un’azienda parallela che produce reddito, esattamente come stai facendo adesso, con la tua fatta di mattoni?

Share