il CTR delle vostre pubblicità sui motori

Mi è capitato di vedere un interessante grafico pubblicato da Chitika dove vengono visualizzati i dati riferiti ai gradi di preferenza delle pubblicità visualizzate ed il logo grado di CTR acquisito.

Da quanto si vede, sembra che Google, il motore in assoluto più utilizzato per le ricerche di ogni tipo, risulta essere il motore con meno performance.

Photobucket

Il ragionamento che ne si potrebbe trarre percorre due strade.

La prima
Google è talmente profilato che l’esposizione di contenuti è talmente in linea con la richiesta che non è necessario per l’utente andare a selezionare gli sponsor.

La seconda
Google non è in grado di dare la giusta importanza agli annunci che pubblica sui suoi contenuti.

Ma…
Aol, se ben ricordo, utilizza il motore di Google quindi dovrebbe avere gli stessi parametri riscontrati su Google riferiti ai valori di CTR – invece tali dati sono di gran lunga diversi.

Secondo voi: quali delle due posizioni è più reale?

Nessun commento

  • Secondo me, questi sono i fattori che influiscono: tanto AOL come Ask fanno apparire i link sponsorizzati tanto nel headder come nel footer, e non risparmiano.Ad esempio alla ricerca di "ristorante a Barcellona" i link sponsorizzati che appaiono sono addirittura otto (senza parlare del sidebar a destra). Poi, strategie simili adottano yahoo e bing (anche se bing un pò meno). il problema per google per il CTR inferiore, secondo me è proprio google places. Google places offre un'informazione molto più ricca e anche più grafica, e quindi più attraente per l'utente.E poi, google e anche più timido nel numero di link pagati che mostra, forse quelli del sidebar generano meno CTR.

  • In effetti guardando l'analisi delle GoogleAdwords si denota una moltitudine di impression nelle Reti che diminuiscono notevolmente il CTR finale. Google Places sta invece perfomando molto bene e lo sto preferendo ad altre strategie.psCredi che la "timidezza" di Google nelle sidebar aumenti il ppc finale? pochi link ben pagati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *