[ foto di Nicola Martucci]
[ foto di Nicola Martucci]
Adweek riporta che, nel prossimo futuro, Facebook prevede di mostrare la ricerca delle pagine organiche tra il 1-2 %.

In poche parole questo significa che 1-2 fans su 100 vedranno una determinata pagina, e l’altro 98-99% per cento non conoscerà il vostro contenuto a meno che, come impresa, non pagherete per essere visibili sulla piattaforma del Zucky .

Per le aziende e manager di webmarketing che avevano l’biettivo di raggiungere i propri target con il risultato organico, è una notizia decisamente non buona se non pessima. Dovranno rivedere la loro strategia e prendere decisioni sugli investimenti per raggiungere alti livelli di visibilità.

Dal momento in cui Facebook è diventata una società quotata in borsa, una serie di decisioni molto impopolari  si stanno intravedendo all’orizzonte, tra queste, dare sempre meno spazio ai messaggi personali ed alla visibilità organica a favore della pubblicità che spazierà dai messaggi personali promozionali agli annunci video a schermo intero.

Facebook è diventata a tutti gli effetti una macchina per fare soldi al contrario di Twitter che, ad oggi, non ha necessità di trovare sempre nuove idee per spremere i propri fan. Almeno per il momento.
Se sei un fan di Twitter, infatti, non puoi rimanere con le mani in mano: Twitter sta prendendo spunti dal playbook di Facebook, e l’esperienza come  utente di Twitter sarà costretta a cambiare in modo abbastanza sostanziale.
Twitter sta già pensando di diventare sempre più simile a Facebook, e questa è un’azione che potrebbe avere degli sviluppi futuri non proprio piacevoli nemmeno per i Twitter supporters (come me). Staremo a vedere (ma non troppo).

Le imprese più piccole che hanno avuto l’accortezza (o la sbadataggine?) di utilizzare un account personale di Facebook, piuttosto che una pagina aziendale di Facebook, si ritrovano con un sistema più economico per entrare in contatto con i loro fan; sempre ammesso che Facebook non se ne accorga….

Un’alternativa a mio parere potrebbe esserci:  riuscire a convincere i propri fan a ricevere notifiche relative alla vostra pagina.

Vi sono però due notevoli scogli:

1) postare solo ed esclusivamente contenuti di alto livello per non infastidire troppo gli utenti affezionati

2) postare solo quando è necessario per il motivo di cui sopra

Per tutti gli altri …. Facebook è ora apertamente pay-to-play.

#webmarketingitaliano

[fonte: http://bit.ly/1jDU1dy ]

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *