Corri Forrest, corri !!

Facebook ha annunciato questa settimana che la sua applicazione di messaggistica “Messenger”, ha già superato i 500 milioni di utenti attivi al mese.

“Bella fatica visto che siamo obbligati ad usarlo“, dico io!

Ad ogni modo si tratta di una parte della tendenza, in crescita tra gli utenti, nell’utilizzare questo tipo di applicazioni; utenti che “spendono” sempre più tempo in applicazioni di messaggistica.

Come cresce la modalità di utilizzo delle app di messaggistica

Sulla base dei dati recuperati da Flurry, le prime quattro applicazioni di messaggistica registrano crescite incredibili rispetto ai primi quattro Social Network e molto probabilmente supereranno i Social Network stessi in termini di utilizzo da parte degli utenti in brevissimo tempo.

Sto parlando delle applicazioni di messaggistica quali  WhatsApp, Snapchat, Line, e WeChat: hanno un livello di crescita minimo del 15% rispetto all’anno precedente.

Le applicazioni di messaggistica sono semplici da utilizzare, e non sono più dei semplici messaggi di testo: ci si può giocare, si possono leggere notizie, chiamare, vedere video, ed anche inviare denaro.

Dobbiamo renderci conto che, se molti di noi (aziende) si sono appena adesso affacciati al mondo dei Social Network beh, quel mondo sta già vedendo nello specchietto retrovisore una freccia di qualcuno che intende sorpassare a tutta velocità: le app di messaggistica, appunto.

E’ un mondo in continua e velocissima evoluzione!

Forse, ma ne sono abbastanza sicuro, saranno anche in grado di soppiantare la funzionalità dei Social Network (nella semplicità di utilizzo) nella fascia delle persone più avanti negli anni (quelli dai 40 in sù per capirci) che non hanno ancora ben recepito cosa sta accadendo nel mondo dell’informazione.

Il problema per questi vetusta informatici rimarrà ancora una volta capire il “come” utilizzare questi mezzi: non è che, essendo più facile, la messaggistica ti permetta di fare pushing (come si fa spesso ancora adesso nelle pagine social della maggior parte delle aziende), ma sarà ancora più complicato farsi aprire la porta di ingresso dello smartphone rispetto ad una pagina di Facebook o di Google plus; e soprattutto sarà più difficile rimanerci, dentro quello smartphone, se non saprai cosa dire e fare.

Corri Forrest, corri !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *